Discariche e raccolta differenziata

Cingoli, 13/5/2009


 

"La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non selezionato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane (detriti di costruzioni, scarti industriali, eccetera) che non si è voluto o potuto riciclare..." (da Wikipedia)

Che "non si è voluto riciclare"! E' questa la triste realtà che riguarda anche il nostro comune, nel quale la Provincia di Ancona e il Cosmari hanno intenzione di realizzare ben due discariche. Sono state legittimamente messe in atto molte proteste,  effettuate riunioni e raccolte firme per contrastare questi due progetti. A nessuno piace avere in casa propria una discarica tuttavia è importante evidenziare una questione che è stata tralasciata e non considerata: la raccolta differenziata a Cingoli. 

L'amministrazione comunale, con il sindaco Bacci in testa, si è subito dichiarata contraria alla realizzazione delle due discariche; un atto dovuto verso l'elettorato o verso la propria coscienza ambientalista? I fatti, incontrovertibili, dimostrano che negli ultimi cinque anni non si è investito nella raccolta differenziata, nell'informazione ai cittadini, nella realizzazione di un'isola ecologica degna di questo nome, con orari di apertura e la presenza di personale addetto, dove poter depositare i rifiuti ingombranti o pericolosi. Si confrontino, ad esempio, i dati del Cosmari della raccolta differenziata di Cingoli con quelli dei comuni limitrofi per il mese di settembre 2008 (ultimo mese con statistiche disponibili per il comune di Cingoli):

 

  Risultati Mese - Settembre 2008 Progressivo Anno - 2008
Apiro 14,25% 17,76%
Appignano  73,35% 75,54%
San Severino Marche 64,99% 48,77%
Treia 38,96% 36,70%
Cingoli 3,42% 14,56%
     
Media provinciale 41,47% 36,46%

Fonte: Cosmari

I dati parlano chiaro: la raccolta differenziata a Cingoli è veramente poco "differenziata", con percentuali non paragonabili a quelle di molti altri centri della provincia di Macerata e ben al di sotto della media provinciale.

Se da una parte, quindi, l'amministrazione Bacci non ha ritenuto opportuno investire nella raccolta differenziata, dall'altra i cittadini ben poco si sono prodigati nel farla in maniera corretta e costante. La protesta contro la realizzazione di una o più discariche è un atto legittimo ma un esame di coscienza lo dovrebbero fare in molti; se non si vogliono le discariche l'unica strada da percorrere è quella del riuso e del riciclo. Non ci sono alternative!

 

Risorse WEB

Comitato Campagna Pulita

Cosmari - DELIBERAZIONE N. 12 del 26/05/2008

 


Sommario

Come distruggere un territorio...