BULINO

 

Strumento caratterizzato dall’intersezione di uno stacco (generalmente lamellare) con un’altra superficie. Quest’ultima può essere costituita dalla superficie originaria del ciottolo o da un altro stacco, da una frattura o da una serie di ritocchi (nel sistema di Laplace si definiscono rispettivamente “bulino semplice”, “bulino su frattura” e “bulino su ritocco”). L’intersezione (detta biseau) si può presentare rettilinea, sigmoide o poligonale.

Nel sistema tipologico di Laplace il gruppo comprende tre classi e nove tipi primari:

 

Classificazione dei bulini (Laplace 1964)

 

Famiglia: 

Bulini

Gruppo:   

Bulini

Classe dei bulini semplici

B1 Bulino semplice ad uno stacco

 

B2 Bulino semplice a due stacchi laterali

 

B3 Bulino semplice a due stacchi, laterale e trasversale

 

B4 Bulino semplice con ritocco d’arresto

 

 

Classe dei bulini su frattura

B5 Bulino su frattura

 

 

Classe dei bulini su ritocco

B6 Bulino su ritocco trasversale

 

B7 Bulino su ritocco laterale a stacco laterale

B8 Bulino su ritocco laterale a stacco trasversale

B9 Bulino su ritocco a ritocco d’arresto

 

 

 

Tipologia dei biseau (Laplace, 1968)

 

 

 

Tipi secondari più importanti

 

1) Bulino busqué. Bulino semplice ad uno stacco trasversale o a due stacchi, laterale e trasversale, a ritocco d'arresto. Caratteristico dei complessi a lamelle a dorso e dell'Aurignaziano.

2) Bulino di Noailles. Bulino su ritocco trasversale a stacco laterale. Tipico del Gravettiano.

3) Bulino a becco di pappagallo. Bulino su ritocco trasversale a stacco laterale. Tipico del Maddaleniano medio-recente.

4) Bulino di Ripabianca. Bulino ad incavi e stacchi laterali. Caratteristico della cultura di Fiorano (V millennio a.C.)  

 

 

 


Sommario

Denticolato